Da 32 anni, ‘Il campo sul lago Atanasovsko’ a Burgas gestito dalla Società bulgara per la protezione degli uccelli (SBPU) è diventato la tradizionale vacanza estiva di volontariato per gli amanti della natura. Il mix di apprendimento, lavoro e birdwatching, crea un mondo in cui tutti sono uguali e cercano di supportare la comunità di volontari e gli habitat degli uccelli. Per me, è stata la vacanza ecologica più utopica che abbia mai trascorso. Allo stesso tempo, era molto stimolante far parte di una tale grande tradizione.

Godere di uno stile di vita sostenibile

atanasovsko lake team work

‘Di cosa tratta il campo? È un luogo adatto a fare nuove conoscenze interessanti, godere di un lavoro utile e piantare i semi dell’apprendimento al fine di imparare cose nuove”, – così definisce il progetto Nikolai Katsarov, un partecipante del Camp dal 2011.

In sostanza, il campo sul lago Atanasovsko a Burgas è la più vecchia vacanza ecologica di volontariato bulgaro. Si svolge ogni agosto e dura una settimana, la quota di partecipazione è di 100 lev. L’iniziativa nasce nel 1988.
Quest’anno oltre 40 partecipanti hanno aderito al progetto.

storks under atanasovsko lake

La vacanza mira a sostenere la riserva naturale che ospita migliaia di uccelli e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sfide che gli essi affrontano. Il lago Atanasovsko fa parte della via Pontica, la seconda più grande via migratoria degli uccelli d’Europa.

“Il campo è diventato un incubatore per molti eco-attivisti e professionisti ambientali bulgari”, dice Petar Yankov, uno dei fondatori del campo.

“Attraverso progetti di scienza partecipata, come questo, vogliamo dimostrare che le collaborazioni tra ambientalisti e gente comune possono essere reciprocamente vantaggiose”, sottolinea Irina Mateeva, European Policy Officer della SBPU.

conservation camp atanasovsko lake 2021 2

Un altro lettore Stoycho Stoychev, il Direttore della Protezione Ambientale della SBPU ci ha incoraggiato ad attivare il nostro interesse per la natura attraverso gli strumenti della cienza partecipata (consistente in siti web, progetti collaborativi, ecc.) e non aver paura di possibili errori.

“L’esperto e l’inesperto commettono lo stesso numero di errori, ma quest’ultimo per mancanza di esperienza, mentre il primo per abbondanza di fiducia”, ha osservato saggiamente Stoycho. – Maggiore è la quantità di dati, più affidabili essi sono”.

Lavorare per sperimentare il supporto

20210823 193101

Ho partecipato al progetto poiché esso fa parte della mia ricerca etnografica dal titolo Mappatura dele vacanze sostenibili in Bulgaria: combinare volontariato e vacanze! Si possono trovare maggiori dettagli nel mio post precedente.

Al campo, un ambiente particolare basato sull’uguaglianza e sul sostegno mi ha molto colpita. Un po’ utopico per i nostri tempi, in particolare per il concetto generico di vacanza.

conservation camp atanasovsko lake 2021 13

Nonostante ciò, il progetto si ispira ad alcuni valori hippie: l’amore per la natura, una vita orientata a uno scopo, la gentilezza, l’apertura mentale e l’uguaglianza.

“Ha decisamente senso intraprendere un’avventura del genere e goderne i risultati, – crede il volontario Teodor Trifonov. – Perché è sempre facile trovare ciò che non va e non è perfetto, ma qui tutti lavorano per una grande causa, che trovo utile. Ed è un vero piacere lavorare con gente con una simile mentalità!’.

conservation camp atanasovsko lake 2021

Ogni giorno ci siamo dedicati a diversi compiti di squadra relativi al supporto del campo e della riserva: servire pasti, restaurare un’isola artificiale, costruire piattaforme di legno, tagliare canne, monitorare gli uccelli.

dog at atanasovsko lake camp

…In questo periodo dell’anno, il cielo sopra il lago Atanasavsko è un pittoresco caleidoscopio. Con diversi stormi migratori, si possono vedere molti uccelli diversi – aquile, pellicani, fenicotteri – e saperne di più da ornitologi professionisti.

storks atanasovsko lake

All’improvviso grido: ‘Cicogne!’, tutti lasciavano il loro lavoro e, affascinati, volgevano il loro sguardo all’uccello più iconico della cultura bulgara.

La specie di solito migra in stormi da centinaia di esemplari che effettuano aggraziate manovre nelle correnti d’aria, il che rende ciascuno di questi stormi uno spettacolo alquanto accattivante.

Foto: Tatyana Garkavaya